Il significato della festa del papà

2 Marzo 2021 | Ti racconto una storia

Edit 22 marzo 2021

Come è andata La festa del papà

Sabato 20 marzo alle ore 10:00 per i tipi mattutini e il pomeriggio alle ore 16:00 abbiamo festeggiato la Festa del Papà con un appuntamento speciale. Prendendo spunto dalle storie straordinarie di Chistopher, Ellie, Phil e tanti altri papà che vogliono prendersi cura delle loro figlie e non hanno paura di tenere in mano una spazzola, abbiamo organizzato una festa ad alto tasso di amore.

Avevamo previsto di svolgerla al parco adiacente la libreria, il Parchetto Piermarini, ma l’entrata in vigore dei provvedimenti relativi alla zona rossa ha fatto saltare ogni piano. Ci siamo spostati on line e per stare vicino ai nostri volenterosi papà, si è aggiunta a noi la nostra amica Claudia, parrucchiera di quartiere.

Abbiamo accolto i partecipanti con la lettura animata di Stammi vicino papà (qui trovi una selezione di albi illustrati dedicati al papà), poi abbiamo preso in mano le spazzole e abbiamo pettinato, fatto code alte, code basse, torchon con le mollette, creste di dinosauro a tre (e anche quattro capi per i più temerari), trecce e, infine, le orecchiette da orso.

Abbiamo visto papà seriamente impegnati ed emotivamente coinvolti, pronti a ridere di sé con la serenità d’animo di chi ha il cuore forte e pulito. Abbiamo visto la fiducia con cui le loro bambine li lasciavano fare, sicure che, vicino ai loro papà, tutto sarebbe andato per il meglio.

Abbiamo concluso e ci siamo salutati con la lettura di Cuore di papà, la storia di un papà e della sua bambina che vivono nel cuore del faro, felici di un amore raro, tipico del cuore caldo di chi è abituato a custodire.

 

**********************************

La festa del papà secondo noi

Quante volte all’entrata di scuola hai sentito la frase “Guarda quella bambina, di sicuro stamattina l’ha preparata il papà per venire a scuola” alludendo ai capelli spettinati, all’abbigliamento non perfettamente matchy, a una globale aura di disordine e sciatteria.

A me è capitato e, lì per lì, non ci ho fatto caso. Ho anche sorriso, sono stata al gioco, quel gioco delle parti che vuole che gli uomini siano incapaci di pettinare i capelli, fare una coda, appuntare una molletta.

Poi, due anni fa, ho dovuto affrontare un’operazione chirurgica e sono stata ricoverata in ospedale una settimana. Mio marito si è occupato dei bambini, dei suoi figli, e loro erano più belli e in salute che mai. Mia figlia frequentava anche un corso di danza all’epoca (per fortuna una parentesi che è durata poco) e suo papà ha tenuto botta con tutù, calze, scaldacuore, scarpette e, grazie a un tutorial on line, le ha anche fatto lo chignon con tanto di retina e mollette.

Però, alle vote, stereotipi e luoghi comuni sono talmente radicati che si finisce per crederci. Così capita che un papà preferisca passare la spazzola nelle mani della mamma e non provarci nemmeno.

Per fortuna però non tutti i papà smettono di provarci, così qualcuno è stato chiamato “mammo”. Come se non esistesse una parola per l’uomo che culla, che tiene in braccio, che cambia il pannolino, che pettina la propria figlia prima di portarla a scuola, che la ascolta ed è lì per lei. Un uomo che si occupa dei propri figli, non è un “mammo”, è un padreEd è una cosa grande e meravigliosa essere un padre. E la parola è proprio questa, non ne servono altre: papà.

Swedish Dads

«Questa storia che a fare troppo i papà si diventa mamme mi fa molto ridere. Sembra una farsa buona per dar fiato a qualche fanatico del determinismo genetico. I ruoli sono anche vestiti che si può scegliere di provare, ma poi li devi portare. E se decidi di essere padre, prima di tutto devi farlo, devi esserci». Christoph Fielder, produttore alla FolkOperan di Stoccolma e padre di Linh-Mae, 2 anni.

Eli Frankel è un attore, ha fatto tre congedi mai più corti di 8 mesi. Dice una cosa che ripetono tutti: «Avevo mille idee sul padre ideale e ho dovuto rimettermi in discussione su tutto. Ma non riesco nemmeno a sognare di avere un figlio senza prendermi molto tempo per lui. È questione di responsabilità, prima di tutto, ma anche di realizzazione di sé».

Christoph ed Elli sono alcuni dei papà svedesi le cui storie sono raccontate da Simone Sabattini in un bellissimo reportage che descrive il sistema di congedi parentali in Svezia e, a leggerlo, sembra un mondo capovolto, anzi, sarebbe meglio dire raddrizzato.

Chi ha bimbi piccoli lo sa: la storia del tempo di qualità è una balla. La quantità serve, eccome. Serve esserci, fare la propria parte con i figli, ogni giorno, e poter allo stesso tempo continuare a crescere nel proprio lavoro.

Hair Love

Lo sapevi che il cortometraggio animato che ha vinto il premio Oscar è la storia di un papà che pettina la figlia?

Si chiama “Hair Love” e racconta di un papà afroamericano deve imparare ad acconciare i capelli della figlia Zuri, ma i capelli della piccola sono foltissimi e indomabili: dopo un primo tentativo fallito, l’uomo, vista la delusione e la frustrazione negli occhi della figlia, decide di fare del suo meglio e riesce finalmente a sistemarli.

Il punto non è fare un’acconciatura perfetta, ma passare più tempo con le proprie figlie, prendersene cura condividendo un momento di profonda intimità e benessere, al di là degli stereotipi di genere ridefinendo il concetto di mascolinità e il ruolo dei padri nella cura dei figli.

La “Daddy Daughter Hair School”

Nella stessa situazione si è trovato anche Phil Morgese, un papà americano che si occupa da solo della figlia Emma da quando lei aveva 1 anno. Ogni volta che le metteva una molletta, questa le cadeva subito, quando faceva una coda di cavallo era tutta storta, con i bozzi e i capelli scappavano via da tutte le parti.

È partito quindi dalle basi e piano piano ha mostrato ai papà che con un pettine, un pizzico di attenzione e tanto amore, ci si può occupare alla perfezione dei capelli delle proprie figlie.

La sua fama è cresciuta e ha iniziato a tenere corsi gratuiti per altri papà: corsi di acconciature utili per fare felici le proprie bambine e intensificare il rapporto padre e figlia. Che siano padri single come lui o che abbiamo al loro fianco la madre della bimba, Phil li aiuta a fare qualcosa di diverso rispetto ai ruoli che, spesso, la nostra società ci impone.

È nostro compito, come papà, supportare in ogni aspetto le nostre figlie. Gli uomini che frequentano i miei corsi sono forti e sicuri di sé perché sono pronti ad andare contro tutto e tutti per il bene dei loro figli. Non lasciamo che gli stereotipi di genere e i tradizionalismi ci ostacolino la strada. Anche gli uomini possono pettinare i capelli.

Yes, Phil. Dads can do it all.

Caro papà…

Eccitazione, paura, la sensazione che il tempo si fosse fermato. Così descrivono le loro sensazioni i papà che hanno preso parte alla campagna di Dove Men Care “Dear future dads”, per sostenere il congedo parentale, quando si sono resi conto di essere diventati dei papà. E il loro messaggio ai futuri papà è chiaro: fai tutto ciò che ti è possibile per esserci, non bene pentirai, perché nessuno ti potrà mai restituire quei momenti, una volta passati li avrai persi per sempre.

 

Altri post che potrebbero interessarti

Io sarò la prima

Io sarò la prima

Quarta ed ultima settimana con le storie di Lotto ogni giorno, il progetto di storytelling gratuito in collaborazione con la casa editrice Editoriale Scienza e le librerie del circuito Cleio per combattere gli stereotipi di genere con storie, proposte di attività, riflessioni e approfondimenti da mettere in pratica a casa o in classe.

20 storie, tratte dalla collana Donne nella scienza della casa editrice Editoriale Scienza. Per ciascuna di queste storie abbiamo realizzato un breve racconto di circa 5 minuti che potrai ascoltare o leggere, a casa o in classe, e un ritratto da stampare. Passioni, sogni e conquiste di scienziate ed esploratrici che potranno ispirare e promuovere modelli di comportamento, aiutare a mettersi alla prova con fiducia, mettere in campo spirito critico e far riflettere sul linguaggio e sull’importanza delle parole.

Questa settimana parliamo di cinque donne straordinarie che hanno sfidato pregiudizi e stereotipi riuscendo ad aprire la strada a nuove esplorazioni e scoperte, per la prima volta. Le loro imprese sono raccontate nel libro Io sarò la prima, di Mick Manning e Brita Granström con la traduzione di Lucia Feoli.

Le protagoniste di questo libro sono esempi di coraggio, determinazione ed energia. Donne che hanno dimostrato esserci un modo nuovo e diverso di fare e di pensare, superando ostacoli e pericoli, ma anche la (infondata) convinzione che non fossero imprese adatte a loro. Dai fondali marini allo spazio, ai campi della scienza, della storia, dell’archeologia, dell’ecologia e della giustizia sociale. Per lasciarsi ispirare, e rimanere sé stessi.

 

Acquista qui il libro

 

Per Lotto ogni giorno abbiamo deciso di raccontare le storie di:

Jeanne Baret

La prima donna a fare il giro del mondo. Al tempo era proibito alle donne salire a bordo delle navi, ma lei, nel 1766, si travestì da domestico per seguire il suo amore, il botanico e medico Philibert Commerson, e gran parte delle sue scoperte si devono anche a lei e alla sua eccezionale capacità di lavoro e alla sua resistenza fisica con ogni condizione meteorologica.

Ascolta sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

Caroline Hershel

Con i suoi studi ha tracciato un ponte fra astronomia antica e astronomia moderna. Nell’arco di alcuni anni, redige un catalogo di 2500 Nebulae: un colossale lavoro di registrazione delle coordinate celesti di tutti quegli oggetti “nebulosi” osservabili in cielo e scopre otto comete nonostante una malattia le avesse lasciato gravi disturbi all’occhio sinistro.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

Ester Nordström

Giornalista che, in un’epoca in cui le donne non avevano ancora ricevuto il diritto di voto, ha viaggiato per il mondo raccontando conducendo inchieste e reportage. Si finse garzone per denunciare le condizioni di lavoro nelle fattorie svedesi, fu maestra dei bambini Sami in Lapponia per descrivere la dura vita degli allevatori di renne e si imbarcò su un piroscafo per un reportage sui poveri emigranti in cerca di nuova vita negli Stati Uniti.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Mary Leaky

Archeologa e paleontologa, nel 1969 trovò il primo cranio di un ominide, un Australopithecus boisei, il più antico resto di ominide conosciuto all’epoca, datato con gli strumenti dell’epoca a un milione e 800 mila anni fa circa, conosciuto anche con il nome di “schiaccianoci”, per la presunta eccezionale potenza delle sue mascelle.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Sylvia Earle

Oceanografa statunitense, è stata la prima donna a capo della National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti. Detiene diversi record di immersione in profondità stabiliti durante la sua carriera e ha vissuto per 2 settimane, assieme a 4 compagne, in una struttura subacquea posta a circa 15 m sotto il livello del mare nei pressi dell’isola di St. John nelle Isole Vergini Americane svolgendo esperimenti e ricerche sulla flora marina.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Atre storie che trovi nel libro: Auditrici “mente profonda”, Ester Stanhope, Sacagawea, Mary Anning, Harriet Tubman, Nellie Bly, Annie Londonderry, Bessie Coleman, Amelia Earhart, Lee Miller, Barbara Hillary, Jane Goodall, Valentina Tereshkova, Junko Tabei, Mae Jemison, Arunima Sinha.

 

Acquista qui il libro

 

Ragazze per l’ambiente

Ragazze per l’ambiente

Terza settimana con le storie di Lotto ogni giorno, il progetto di storytelling gratuito in collaborazione con la casa editrice Editoriale Scienza e le librerie del circuito Cleio per combattere gli stereotipi di genere con storie, proposte di attività, riflessioni e approfondimenti da mettere in pratica a casa o in classe.

20 storie, tratte dalla collana Donne nella scienza della casa editrice Editoriale Scienza. Per ciascuna di queste storie abbiamo realizzato un breve racconto di circa 5 minuti che potrai ascoltare o leggere, a casa o in classe, e un ritratto da stampare. Passioni, sogni e conquiste di scienziate ed esploratrici che potranno ispirare e promuovere modelli di comportamento, aiutare a mettersi alla prova con fiducia, mettere in campo spirito critico e far riflettere sul linguaggio e sull’importanza delle parole.

Questa settimana parliamo di ecologia e delle storie di 5 scienziate che hanno messo le loro conoscenze al servizio della tutela dell’ambiente, estratte dal libro Ragazze per l’ambiente, di Vichi De Marchi e Roberta Fulci, con le illustrazioni di Giulia Sagramola.

Acquista qui il libro

 

Per Lotto ogni giorno abbiamo deciso di raccontare le storie di:

Eva Crane

Fisica, biologa, scrittrice e intellettuale inglese. Studia e insegna matematica quantistica, ma quando per regalo di nozze le regalano un alveare, pensando fosse utile per ottenere la razione di zuccheri durante il periodo di guerra, scoprì che il suo vero interesse era lo studio delle api.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Barbara Mazzolai

Biologa e unapioniera nel campo dei “plant-inspired robots” e dei “growing robots”. A lei si deve la creazione del “plantoide”, uno speciale robot ispirato alle piante, in grado di crescere e di muoversi, progettato per indagare i meccanismi ecologici del suolo.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Gitanjali Rao

Inventrice, anzi, problem-solver, si è guadagnata il titolo di America’s Top Young Scientist, Kid of the Year 2020. Mossa dal principio che “tutti hanno diritto di bere acqua pulita” ha messo a punto uno strumento portatile in grado di rilevare in 10 secondi la presenza di inquinamento nell’acqua potabile grazie a nanotubi di carbonio, gestibile via Bluetooth da un semplice smartphone.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Maria Klenova

Voleva mappare i fondali oceanici, le fosse, le pianure, i dossi del Mare di Barents.Nel 1929 è la prima donna al mondo a guidare una spedizione scientifica a bordo di una nave. In questo periodo mette a punto una metodologia operativa per la realizzazione di carte batimetriche grazie a cui riesce, nel 1933, a realizzare la prima mappa completa del fondale del mare di Barents.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Caitlin O’Connell

Biologa, ha dedicato la sua vita a studiare gli elefanti e a proteggerli dal bracconaggio. Nascosta in un bunker registrava i loro movimenti e scoprì che gli elefanti, come gli insetti, comunicano con piccolissime vibrazioni che trasmettono attraverso il terreno, onde sismiche per noi impercettibili.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Atre storie che trovi nel libro: Rachel Carson, Eunice Newton Foote, Maria Telkes, Anne Innis Dagg, Susan Solomon.

 

Acquista qui il libro

 

Ragazze in capo al mondo

Ragazze in capo al mondo

Secondo appuntamento di Lotto ogni giorno, il progetto di storytelling gratuito in collaborazione con la casa editrice Editoriale Scienza e le librerie del circuito Cleio per combattere gli stereotipi di genere con storie, proposte di attività, riflessioni e approfondimenti da mettere in pratica a casa o in classe.

20 storie, tratte dalla collana Donne nella scienza della casa editrice Editoriale Scienza. Per ciascuna di queste storie abbiamo realizzato un breve racconto di circa 5 minuti che potrai ascoltare o leggere, a casa o in classe, e un ritratto da stampare. Passioni, sogni e conquiste di scienziate ed esploratrici che potranno ispirare e promuovere modelli di comportamento, aiutare a mettersi alla prova con fiducia, mettere in campo spirito critico e far riflettere sul linguaggio e sull’importanza delle parole.

Questa settimana parliamo delle esplorazioni e dei viaggi raccontati nel libro Ragazze in capo al mondo, di Laura Ogna. Viaggiare un tempo era costoso, pericoloso, senz’altro faticoso, ma soprattutto era ritenuto poco adatto a una donna, ancora meno a una donna sola.

Questo libro racconta le storie di 10 ragazze e giovani donne che hanno scelto di andare controcorrente, rompendo schemi, ribellandosi alle convenzioni. Giovani donne che hanno seguito i propri desideri senza farsi condizionare da stereotipi e pregiudizi, affermando coraggiosamente il loro diritto a scegliere chi essere.

Acquista qui il libro

 

Per Lotto ogni giorno abbiamo deciso di raccontare le storie di:

Gertrude Bell

Nel 1905 gira in lungo e in largo nel mondo arabo come esploratrice, archeologa e anche spia del governo inglese, studiando i resti archeologici, incontrando capitribù ed emiri.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Nellie Bly

Giornalista d’inchiesta, è stata la prima donna corrispondente di guerra. Quando scoppia la Prima guerra mondiale si trova sul fronte austriaco per raccontare le atrocità dei combattimenti vivendo lei stessa nelle trincee.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Carla Serena

La prima donna europea a viaggiare nel Caucaso. Sa quello che vuole, e quello che vuole è viaggiare e scrivere. Nel 1881 riesce a fotografare, prima in assoluto, l’Abkasia e lo spettacolare monastero di Bedia.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Monica Kristensen

Matematica, fisica e glaciologa, è una delle più note esploratrici polari nordeuropee. Ha guidato numerose spedizioni in Artide e Antartide ed è stata la prima donna a ricevere la medaglia d’oro della Royal Geographical Society.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Annie Smith Peck

Attivista e alpinista statunitense, quando non scala (e l’ha fatto fino all’età di 82 anni) viaggia, come nel 1911 quando compie un lungo viaggio da Panama alla Terra del Fuoco tra le cime del Perù e della Bolivia.

Ascolta la sua storia e scarica qui il suo ritratto.

 

 

Atre storie che trovi nel libro: Freya Stark, Ida Pfeiffer, Isabella Bird, Vivienne de Watteville, Alexandra David-Néel.

 

Acquista qui il libro

 

Restiamo in contatto?

Iscriviti alla newsletter e ogni mese ti mandiamo consigli di lettura, le novità dal blog, le anteprime delle nuove uscite e gli sconti quando li facciamo.

Il punto non è leggere, ma amare la lettura. Ti unisci a noi?

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo Carrello è vuotoTorna allo shop