Veloci da imparare, divertenti e giocabili dappertutto anche per diverse fasce di età. Abbiamo scelto 10 giochi da consigliarti per le vacanze pensando che potrai:

  • passare il tempo durante un lungo viaggio: non ingombrano e necessitano solo di un piccolo spazio d’appoggio;
  • unire amici e parenti di età e abilità diverse: versatili e adatti ad essere giocati in famiglia, tra amici, in gruppo.

I giochi tascabili come Speedy Words, Color Addict, Cortex, Smiley Games, Slapzi e Itzi sono davvero piccoli e compatti, si adattano ad ogni valigia e potrai utilizzarli sotto l’ombrellone, in treno, in auto, in un’attesa al ristorante anche per partite di pochi minuti.

Giochi come Kingdomino, Dixit, Le catacombe di Karak e Tension invece saranno con te nelle serate estive: un tavolo, qualche sedia e via, tempo di mangiare una fetta di anguria e avrai capito come si gioca. Sfide all’ultima risata saranno assicurate!

Speedy Words

Ve lo ricordate il vecchio gioco “nomi, cose, città…?” Con Speedy Words potete giocarci senza bisogno di carta e penna! La confezione contiene un mazzo di carte suddivise in tre colori (rosso verde, azzurro) e 10 categorie (nomi di persona, cose o oggetti, città, animali, fiori o piante, professioni o mestieri, nazioni, personaggi famosi, cibi o alimenti, film o serie tv). Non servono dati né plancia di gioco, basta girare le carte per iniziare a giocare.

Come si gioca Speedy Words

Mischia le carte e posiziona il mazzo di carte al centro del tavolo, con il lato della categoria rivolta verso l’alto. A ogni turno di gioco viene girata una carta che indica la categoria e il colore (es. cose o oggetti verde): delle tre lettere visibili sulla carta diventa valida la lettera di quel colore (lettera verde). La carta appena girata viene vinta dal giocatore che per primo a voce alta dice una parola che inizia con quella lettera e che appartiene a quella categoria (es. bacinella). Vince chi conquista il maggior numero di carte.

Età: da 5 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 10 giocatori

Color Addict

Un mazzo di carte. Non serve altro per giocare. Color Addict è il classico gioco che è più facile farlo che spiegarlo. Su ogni carta c’è scritto il nome di un colore (es. arancione) scritta in un colore qualsiasi (es. blu). Quindi ogni carta fa riferimento a due colori: la parola e il colore con cui è scritta. Saranno questi colori a guidare il gioco. Ognuno ha il suo turno di gioco ed il proprio tempo per pensare, quindi nessuna pressione, né confusione. Una volta capito il meccanismo di gioco anche i più piccoli avranno le stesse opportunità di vittoria (forse anche di più!). Non ti concentrare sulle macchie di colore, sono lì solo per distrarti!

Come si gioca a Color Addict

Mischia le carte e distribuisci l’intero mazzo equamente tra i partecipanti formando tanti piccoli mazzetti e una a terra. Ciascuno dovrà tenere in mano solo tre carte del proprio mazzo per ogni turno di gioco. Se la carta a terra è “giallo” scritto in “blu” potrai scartare: qualsiasi carta scritta in blu; la parola blu scritta in qualsiasi colore; qualsiasi carta scritta in giallo; la parola giallo scritta in qualsiasi colore. Puoi scartare la carta Joker quando non hai nessuna carta da abbinare dichiarando il colore che dovrà avere la carta successiva. In assenza dovrai pescare. Vince chi finisce per primo le carte o rimane con il numero minore di carte in mano.

Età: da 7 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 6 giocatori

Cortex

90 carte con cui sfidarsi di 8 sfide diverse per mettere alla prova tutte le proprie abilità. Cortex, infatti, è un gioco in cui nono basta essere il più veloce, non basta essere quello con miglior memoria, non serve soltanto essere il giocatore più logico. Devi essere tutto questo per vincere! Memoria, labirinto, colore, coordinazione, duplicato, frequenza, ragionamento, sfida tattile, queste le sfide da superare.

Come si gioca a Cortex

Per prima cosa prepariamo le carte della sfida tattile: ogni giocatore ha trenta secondi tempo per guardarle e toccarle, poi verranno messe da parte. Mischia e poni al centro del tavolo il mazzo di carte. Il giocatore più giovane inizia pescando la prima carta: tutti la osservano e cercano di scoprire la risposta esatta. Può rispondere il giocatore che per primo copre la carta in terra con la propria mano. Se la risposta è giusta il giocatore prende la carta e la colloca davanti a sé. Quando un giocatore possiede due carte dello stesso tipo può prendere un pezzetto del puzzle-cervello.Se la risposta è sbagliata, dovrà scartare la carta e non potrà rispondere al turno di gioco successivo. Si possono tenere contemporaneamente fino a quattro carte. Vince chi per primo compone i (4) pezzi del puzzle cervello.

Età: da 8 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 6 giocatori

Smiley Games

Un gioco che ne contiene 5, Smiley Games, è un gioco di memoria, riflessi, percezione visiva, osservazione e concentrazione adatto anche ai giocatori più giovani. Il mazzo di carte è formato da 36 carte base (ciascuna con uno smiley e un colore), 6 carte speciali smiley e 6 carte speciali colore.

Come si gioca a Smiley Games

La variante base del gioco consiste nel disporre tutte le carte casualmente sul tavolo di gioco con lo smiley colorato ben visibile. Al proprio turno di gioco, il giocatore, lancia i due dadi che determinano la combinazione: smiley (felice, arrabbiato, occhiolino, triste, sorpreso, innamorato) ed il colore. L’esempio di dati nella foto ci dice che la carta giusta da prendere è felice-rosso. Il primo giocatore che mette il dito sulla carta giusta la conquista e la dispone davanti a sé con loro smiley rivolto verso il basso. Se la carta non si trova più sul tavolo, perché conquistata in un turno precedente di gioco, il giocatore che per primo si prenota e ricorda chi ha quella carta può ottenerla dall’altro giocatore. Se invece sbaglia perde una delle sue carte rimettendola visibile sul tavolo. Vince chi conquista il maggior numero di carte.

Età: da 5 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 10 giocatori

Slapzi

In Slapzi tutto quello che conta è la velocità: devi essere il più rapido a fare il collegamento tra carta-indizio e carta-foto. Probabilmente il gioco con le regole più semplici che conosca immediatamente giocabile, che coinvolge tutti e non ci si stanca mai di giocare.

Come si gioca a Slapzi

Si possono giocare 7 varianti di gioco e le carte-foto sono talmente tante che le combinazioni sono pratica ente infinite. Si distribuiscono 5 carte-foto a testa e si dispone il mazzo di carte-indizio al centro del tavolo. Si gira una carta alla volta e il primo giocatore che cala la carta-foto pertinente e calzante rispetto all’indizio vince il turno di gioco. Facciamo un esempio non può scendere dal camino: elefante! Oppure. Si mette in testa o sulle mani: cappellino o ombrello. Vince la partita chi finisce per primo che le carte che ha in mano.

Età: da 6 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 8 giocatori

Itzi

Se ti è piaciuto Slapzi, impazzirai per Itzi! Semplice, veloce, divertente con ancora più possibile combinazioni di gioco per partite sempre diverse e livelli crescenti di difficoltà.

Come si gioca a Itzi

La scatola contiene 63 carte-lettere (che sostituiscono le carte-foto di Slapzi) e 124 carte-indizio. Iniziamo dalla versione base: sulla carta indizio ci sono due spicchi colorati (viola e rosa), alla domanda “è un dolce che trovi in pasticceria” potrò rispondere utilizzando solo le lettere, tra le carte che ho in mano, che hanno lo sfondo viola o rosa. Risposta corretta, nel nostro esempio, Sacher torte. Aumentiamo il livello di difficoltà e prendiamo in considerazione il simbolo al centro della carta-foto, per cui potrà rispondere utilizzando soltanto le lettere di quella carta-lettera con lo stesso simbolo della carta-foto. Naturalmente per un livello ancora più impegnativo potrò combinare i due criteri: simbolo e indicazione colore. In questo modo possono giocare insieme adulti (con un livello difficoltà maggiore) e giocatori più giovani (con un livello base).

Età: da 6 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 8 giocatori

Kingdomino

Formato compatto e maneggevole per Kingdomino che si basa sul principio del classico domino e si può articolare anche in ulteriori 4 varianti. La scatola contiene: 4 tessere di partenza, 4 castelli colorati 3D, 48 tessere domino (su un lato un paesaggio e sull’altro un numero), 8 pedine in legno colorato.

Come si gioca a Kingdomino

Ogni giocatore prende una tessera di partenza e il castello del proprio colore. Tutte le tessere domino vengono mescolate con il lato numero visibile e poi messe a caso nel loro alloggiamento nella scatola. Vengono disposte sul tavolo 4 tessere (per quattro giocatori) con la faccia numerata verso l’alto, una sotto l’altra in ordine crescente. Poi vengono girate mostrando i rispettivi paesaggi. Si mischiano le pedine a forma di re e mano a mano che escono sul tavolo si determina l’ordine di gioco. Si può scegliere liberamente una tessera libera, ma si ogni tessere ci potrà essere soltanto un re. L’ultimo giocatore evidentemente non avrà possibilità di scelta. Alla fine si forma lateralmente una nuova fila di tessere secondo la stessa modalità. L’ordine in cui si procede è determinato dalla posizione dei re sulle tessere: per prima cosa bisogna collocare nel proprio reame la tessera paesaggio rispettando le connessioni del domino (facendo combaciare come minimo almeno un paesaggio in senso verticale o orizzontale), poi si deve scegliere una nuova tessera collocandovi sopra il proprio re. Dopo aver piazzato l’ultima sequenza di gioco si contano i punti. Il punteggio più alto determina la vittoria.

Età: da 8 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 4 giocatori

Dixit

Probabilmente il gioco che amo di più e che vorrei vedere giocato a scuola, durante le ore di italiano per allenare la (grammatica della) fantasia, come momento di espressione di sé, per favorire l’empatia e le relazioni sociali. Ma anche nelle feste, perché ben si adatta a gruppi numerosi e perché le regole di gioco sono praticamente inesistenti. Dixit è il gioco che più di tutti favorisce la narrazione e l’amore per le storie!

Come si gioca a Dixit

A turno ogni giocatore veste i panni del narratore fornendo un indizio (una parola, una frase, una canzone, un suono) su una delle carte che ha in mano e che possa ispirare anche gli altri giocatori a scegliere una carta, tra le proprie, che reputano attinente al tema dell’indizio. Tutti i giocatori scelgono e depositano a terra la propria carta in corrispondenza di una casella numerata del tabellone. Ora si vota: ciascuno (tranne il narratore) prova ad indovinare la carta del narratore puntando il segnalino in corrispondenza del numero del tabellone dove è alloggiata la carta prescelta. Se la carta del narratore viene indovinata da tutti o da nessuno, al narratore non vengono assegnati punti (vuol dire che l’indizio era troppo facile o troppo difficile). Se invece qualcuno indovina, lo stesso che indovina e il narratore prendono punti e possono avanzare sulla plancia di gioco. Lo stesso vale anche per chi, pur non essendo il narratore ha ottenuto dei voti (evidentemente la carta scelta era davvero in tema con l’indizio). Vince chi per primo completa il percorso sul tabellone.

Età: da 8 a 99 anni

Numero di giocatori: da 3 a 12 giocatori

Le catacombe di Karak 

Un gioco d’avventura in cui i giocatori interpretano sei valorosi eroi che si apprestano ad esplorare le catacombe segrete del castello di Karak.  Nel labirinto sotterraneo combatteranno contro mostri e creature magiche pronte a difendere forzieri pieni zeppi di tesori, ma il più temibile di tutti è il drago. Il gioco termina quando il drago viene sconfitto e vince la partita l’eroe che ha accumulato più tesori. Ambientazione fantastica, elementi di gioco curati nei minimi dettagli, regole semplici e un meccanismo di gioco che ricorda i videogame più avvincenti. Farà di sicuro presa anche sui giocatori meno abituati!

Come si gioca a Le catacombe di Karak

Ciascun giocatore sceglie il proprio eroe preferito leggendo la sua storia e i suoi poteri. Durante il proprio turno di gioco ha a disposizione quattro passi: è possibile muoversi in una zona già scoperta (su una delle tessere già disposaste sul tavolo) oppure muoversi in una zona sconosciuta, estraendo, una alla volta, le tessere dal sacchetto. Se la tessera indica una stanza ci aspetta: un combattimento con un mostro; un tesoro da aprire o da custodire in attesa della chiave. Per combattere un mostro si tirano i dadi: la somma dei numeri definisce la forza dell’attacco, se è superiore a quella del mostro avremo vinto il combattimento, altrimenti avremo perso una vita. Ogni eroe ha caratteristiche e poteri speciali che si possono sommare alla forza d’attacco e le armi, gli incantesimi e le chiavi raccolte come equipaggiamento lungo il percorso possono contribuire ad incrementare il punteggio determinato dal lancio dei dadi. Un gioco che è anche un storia da scoprire e da vivere.

Età: da 7 a 99 anni

Numero di giocatori: da 2 a 5 giocatori

Tension

Il party game per eccellenza, Tension, vi farà radunare intorno al tavolo, dividervi in squadre e scommettere chi pagherà il gelato il giorno dopo, chi porterà l’anguria in frigorifero o a chi spetterà chiudere l’ombrellone. Un gioco un po’ fole, una corsa sfrenata contro il tempo per trovare più parole possibili sui più disparati argomenti che ci possano essere.

Come si gioca a Tension

Talmente semplice che non c’è nemmeno bisogno del manuale di istruzioni! Basta dividersi in due squadre ed essere pronti a rispondere alle domande divise in due livelli di difficoltà in un giro di clessidra: dieci animali dello zoo, dieci film di James Bond, dieci tipi di pasta, dieci canzoni dei Queen. Semplice vero? Ma, attenzione! Valgono solo le parole che corrispondono esattamente all’elenco sulla carta argomento. Quindi pensa all’impensabile, cerca di dire quante più parole ti vengono in mente e non arrenderti finché non termina la clessidra. Un gioco veloce per tutta la famiglia, divertente e frenetico per squadre di tutte le età!

Età: da 8 a 99 anni

Numero di giocatori: 2 squadre

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo Carrello è vuotoTorna allo shop