Giù le mani da Roald Dahl

22 Febbraio 2023 | Guide ai regali

Roald Dahl è senz’altro uno degli scrittori di romanzi per ragazze e ragazzi più apprezzati al mondo.
Le sue storie sono spesso il ponte tra gli albi illustrati e la narrativa a capitoli o i primi passi nella lettura autonoma, come Furbo, il signor Volpe, Agura Trat, Il coccodrillo enorme, Io, la giraffa e il pellicano.
Molti dei nostri ricordi di adulti lettori o lettrici sono legati alle avventure, ai colpi di scena, a quell’ironia (che non manca mai nemmeno al massimo della tensione), dei suoi romanzi, come Matilde, Il GGG, James e la pesca gigante, Le streghe.

Ma perché ancora oggi, un uomo nato nel 1916, riscuote tanto successo tra i bambini e le bambine?

Per il ritmo incalzante, per il lessico ricercato che appare buffo, ma così attraente, per le svolte imprevedibili e sorprendenti. Certo, è per tutto questo.
Ma, soprattutto, perché Dahl è sempre, dichiaratamente e partigianamente, dalla parte dei bambini e delle bambine, contro ogni forma di sopruso o ingiustizia perpetrata ai loro danni da adulti stolti o ottusi, prepotenti o egoisti.
Irriverente e tremendamente realista non gira lo sguardo dall’altra parte davanti alla povertà, all’abbandono, alla morte: spietato nei giudizi, apre sempre alla possibilità di riscatto.
Roald Dahl fa gioco di squadra perché il suo sguardo sul mondo e sugli esseri umani è ricco di ironia, speranza, giustizia. Proprio come quello dei bambini e delle bambine.

Te ne parlo oggi perché, è notizia di qualche giorno fa, l’editore britannico dei libri di Dahl ha deciso di modificarne i testi per renderli più compatibili con le sensibilità di oggi.
In breve, si tratta di parole (come l’aggettivo fat, “grasso”) o espressioni, in altri casi il testo è stato rimaneggiato in maniera più estesa. Se vuoi approfondire puoi farlo qui.

Modifiche che però sono state duramente contestate e criticate da giornali, scrittori e lettori di tutto il mondo che ritengono, a ragione, che in questo modo l’opera di Dahl sarebbe stata tradita e censurata. Ho letto il punto di vista di autori e autrici e sono rimasta colpita dalla riflessione di Laura Imai Messina, dal confronto tra Bruno Tognolini e Davide Morosinotto. Ho approfondito la questione grazie al contributo di Maria Polita e di Giovanna Zoboli.
Ed è proprio questa la cosa bella: ricercare nel pluralismo delle fonti la possibilità di farsi un’idea propria. Un’idea libera e consapevole. Censurare arbitrariamente decidendo cosa sia opportuno o meno leggere, purtroppo, è l’esatto opposto. Cancellare dalla lingua dei libri insulti o offese non li fa sparire dalla realtà. Serve che la realtà si spieghi, non che si nasconda.

Mettere le mani su un’opera d’ingegno e di intelletto di qualcun altro per modificarla, ancorché con il consenso degli eredi (occhio a quello che scrivete nei testamenti), è illegittimo.
Un esempio di deepfake, come fa notare Federica D’Alessio: cioè mettere in bocca a un autore cose che non ha mai detto, senza che possa ribellarsi.
Farlo, utilizzando la bandiera dell’inclusione per celare un maldestro tentativo di sfruttamento dei diritti (sì, Dahl è una macchina da soldi che ogni anno tra film, copie vendute, royalties, diritti ceduti in giro per il mondo genera milioni di introiti in favore di figli e nipoti), è vergognoso.

Il punto però è un altro ed è il riconoscimento della letteratura per l’infanzia come letteratura. Lo sai che i corsi accademici dedicati alla letteratura per l’infanzia stanno quasi esclusivamente nelle facoltà legate alla formazione? Eppure, nel curriculum di chi si prepara a diventare insegnante lo spazio per la letteratura è ancora molto poco, o inesistente addirittura.
Che idea dell’infanzia sottende, tutto ciò? Quella di una letteratura di serie B, agganciata a doppio filo agli scopi educativi, non pensata direttamente per il bambino lettore o la bambina lettrice, ma per l’adulto di riferimento.
Le fiabe sono prove per il cuore: il cuore ama giocare, assumere travestimenti, prendere sembianze, ed è sportivo. Gli è congeniale ogni ginnastica, sa disporsi a ogni forma di libertà e di disciplina. È un maratoneta e un tuffatore provetto. Uno spericolato saltatore, un acrobata sopraffino, conosce tutti i gesti della danza e della lotta.

Io voglio continuare ad allenare il mio cuore alla danza, ma anche alla lotta. Per questo ho firmato la petizione lanciata dallo scrittore Pierdomenico Baccalario e per questo continuerò a leggere e proporre i libri di Roald Dahl in libreria. Sempre e per sempre dalla parte dei bambini e delle bambine.

Altri post che potrebbero interessarti

Lotto ogni giorno (non solo l’8 marzo)

Lotto ogni giorno (non solo l’8 marzo)

Anche quest’anno torna Lotto ogni giorno, quattro settimane di contenuti con storie, proposte di attività, riflessioni e approfondimenti da mettere in pratica a casa o in classe. Dopo il progetto delle Box di sopravvivenza femminista dello scorso anno, realizzate in...

È arrivato l’elfo (con il calendario delle attività da scaricare!)

È arrivato l’elfo (con il calendario delle attività da scaricare!)

Hai mai sentito parlare dell’Elf on the shelf? La tradizione natalizia dell'Elfo Si tratta di una tradizione natalizia di origine anglosassone che ormai ha conquistato il cuore di molti bambini e bambine anche qui in Italia. E siamo davvero felici di poterti dire che...

5 Storie da leggere la notte di San Lorenzo

5 Storie da leggere la notte di San Lorenzo

Cosa c'è di più bello di sognare guardando il cielo, ascoltando storie affascinati e immaginare riescano ad ascoltare i nostri desideri battere forte? La notte di San Lorenzo è una notte magica e avventurosa: sdraiati su un prato, seduti e cullati dal dondolo, il naso...

Restiamo in contatto?

Iscriviti alla newsletter e ogni mese ti mandiamo consigli di lettura, le novità dal blog, le anteprime delle nuove uscite e gli sconti quando li facciamo.

Il punto non è leggere, ma amare la lettura. Ti unisci a noi?

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo Carrello è vuotoTorna allo shop